Home  Summary of homepage  Sommario"

Diritto canonico

Antichità e Basso Medioevo   L'étà classica (1100-1300)   Diritto canonico, 1300-1500   Ricerca   Letteratura   Links

Si trova una versione molto aggiornata di questa pagina in inglese sul sito Rechtshistorie.

Questa pagina è scritto come un'introduzione breve al diritto canonico medievale. Il diritto canonico è una parola equivalente al diritto ecclesiastico. La parola greca "canon" significa una regola. Il diritto canonico conosce una storia di due millenni. Si tratta qui del diritto della Chiesa Cattolica, in particolare nel Medioevo. Era l'età più importante per lo sviluppo e l'importanza del diritto canonico. Sono qui altre pagine per gli edizioni canonistiche e per il diritto processuale del Medievo (in inglese).

Antichità e Basso Medioevo

Il diritto ecclesiastico dell'Antichità è parzialmente formato per i concili, ma anche in cooperazione con l'autorità statale o veramente all'iniziativa del imperatore. L'imperatore Costantino ha permesso nel 312 la fede cristiana per la prima volta con il famoso editto di Milano sulla tollerazione. Nel 325 Costantino lui stesso ha presidiato il concilio di Nicea. Nel secolo quarto il cristianesimo ha ricevuto di più e più seguenti. Nel 380 la fede cristiana è divenuto la religione uffiziale dell'impero romano. Così si esplica anche l'influenza del diritto romano sulla Chiesa, perchè i leggi sono adatti alla fede cristiana. Dunque i Digesti ed il Codice di Giustiniano del secolo sesto sono da vera importanza per il diritto ecclesiastico. 

Nel Basso Medioevo l'autorità reale ha spesso organizzato concili e sinodi. È bisogno di sfidare l'influenza di questi concili. Mancano in questo tempo i collezioni di decisioni dei concili. Spesso si trova una decisione conciliare per qualche secoli ancora negli acta di concili più tardi. Sui regi carolinghi è visibile un movimento di uniformazione della vita ecclesiastica, dunque anche del diritto ecclesiastico. Il arcivescovo Hincmar da Reims ha introdotto dei collezioni falsificati, chi hanno avuto un grande influenza più tardo. La più importante collezione è la cosidetta Pseudo-Isidoriana. Si vede in questi secoli moltissimi collezioni di una grande varietà in qualità e volume. Esistevano molti varianti locali del diritto ecclesiastico e non c`era educazione per apprendere questo diritto. Il diritto romano non è più stato il esempio.Un'altro fonte conosciuto del diritto ecclesiastico sono i libri penitenziali, i libri paenitentiales. Gli ordines iudiciarii forniscono informazioni preziosi sul diritto processuale. Questa grande varietà rimane visibile anche nel Alto Medioevo. Non è stato un sviluppo secondo linee direttissime.

Antichità e Basso Medioevo   L'età classica, 1100-1300   1300-1500   Ricerca   Letteratura   Links

L'età classica del diritto canonico (circa 1100-1300)

Da 1050 vengono pubblicato dei collezioni più sistematiche, più ampio anche come i vecchi collezioni. Utilizzando questi nuove collezioni, come il Decretum d'Ivo da Chartres, è fatto relativamente rapido, fra 1120 e 1140, la cosidetta Concordantia discordantium canonum, chiamato quasi sempre Decretum Gratiani. In questa collezione i testi sono meglio distributi, e si trova dei commenti brevi, i dicta, per eliminare problemi fra i testi. Incominciava a Bologna un'insegnamento nel diritto ecclesiastico, molto anche influsso per il diritto romano, e così il diritto ecclesiastico è divenuto rapidamente molto importante. I vescovi in tutt'Europa, ma in particolare nel Francia e nell'Inghilterra, hanno domandati dei sentenze giuridiche del papa. Lui ha spedito altri vescovi o abbati come giudici delegati per pronunziare una sentenzia. Questi sentenze papali hanno avuto il forma di decretali. Sul papa Alessandro III il numero dei decretali è molto cresciuto. Si capisce che sono fatti prima dei collezioni private di decretali ed finalmente una serie di cosidetti compilationes. Nel 1215 il papa Innocenzo III ha tenuto il molto importante Quarto Concilio Lateranense. Il papa Gregorio IX ha pubblicato nel 1234 una collezione uffiziale, chiamato spesso il Liber Extra, redatto per il domenicano spagnole Raimondo de Penaforte, anche on-line (soltanto il testo senz'annotazione) o cercabile come database. Tre canonisti hanno edito per il papa Bonifacio VIII nel 1298 un'altra collezione dei decretali più tardi, il Liber Sextus.Esistono anche la collezione dei decretali del papa Clemente VII ed gli Extravagantes Johannis XXII. All'avviso di molti medievisti è difficile di capire gli abbreviature ed i citazioni moderni di quest'opere. Si trova una bellissima mostra dei codici giuridici miniati sullo site del Fitzwilliam Museum, Cambridge.

Come gli studiosi del diritto romano i canonisti hanno incominciato lo studio del diritto canonico. Gli specialisti del Decretum Gratiani sono chiamati decretisti. Fra loro i più importanti sono stato Stefano da Tournai, Rufino, Lorenzo Hispano, Goffredo da Trani ed Huguccio da Pisa. I colleghi chi si hanno occupato dei decretali hanno ricevuti il nome dei decretalisti. Qui sono molto famosi Bernardo da Parma, Giovanni il Teutonico, Innocenzo IV ed Enrico da Susa (il Hostiensis, perchè era cardinale d'Ostia). I decretisti ed i decretalisti hanno scritto "summe", grandi sintesi, e "lecturae", commenti del linea al linea seguente. Hanno fatto dei commentari ai tutti collezioni papali nel forma di una glossa ordinaria ("di riferimento"), un commento considerato fondamentale. Si esiste anche una glossa comparabile per il Quarto Concilio Lateranense di 1215.

Lo scambio fra il diritto romano medievale ed il diritto canonico ha rinovellato in particolare il diritto processuale. Poco a poco si è stato sviluppato il processo "romano-canonico". La piùconosciuta contribuzione del diritto canonico è l'inquisizione. Quest'è incominciato come un forma di processo all'iniziativa del tribunale, non di partiti processuali. L'abuso nei processi contra eretici e nel Cinquecento contra le streghe è il causa per la sua reputazione mala. Il francese Guglielmo Duranti (circa 1235-1296) ha scritto nel suo "Speculum iuris" un'enciclopedia del diritto processuale. Fra i tribunali papali la Rota Romana era il più importante. Il diritto canonico ha avuto anche un grande influenza sulle forme degli elezioni ed sopratutto sul diritto matrimoniale.

Antichità e Basso Medioevo   L'età classica, 1100-1300   1300-1500   Ricerca   Letteratura   Links

Il diritto canonico fra 1300 e 1500

Nel Trecento il laico Giovanni Andrea (morto nel 1348) è stato il più importante canonista. Ha scritto commentari ai molti fonti canonistiche. Anche il romanista Baldo degli Ubaldi (1327-1400) ha scritto un commento ai primi tre libri del Liber Extra. Niccolò de' Tedeschi (1386-1445) è chiamato l'ultimo canonista classico. Era professore in Siena, abbate di un convento dei benedettini ed arcivescovo di Palermo, e dunque il suo soppranome è Panormitano.

I canonisti hanno lavorato ai grande tribunali, nel servizio dei vescovi o collegi dei canonici, ed hanno insegnato alle facoltà giuridiche, o hanno avuto un grande carriera ecclesiastica. Qualchi pape erano canonisti, per esempio Gregorio IX, Bonifazio VIII, Innocenzo IV e Gregorio XI. Francesco Zabarella è divenuto arcivescovo di Firenze e poi ancora cardinale. Guido da Baisio era arcidiacono di Bologna, cioè anche cancellario dell'università. Famosi teologi come Jean Gerson, Pierre d'Ailly e Nicolaus von Kues (Cusano) erano canonisti. Anche i canonisti hanno scritto consilia, avvisi giuridici, per esempio Oldrado de Ponte (i numeri 35 ed 92), Panormitano ed Zabarella.

Il diritto canonico non è stato soltanto diritto della Chiesa, ma ha toccato anche alla società in generale ed alla vita personale. I canonisti hanno difeso che si può utilizzare il diritto canonico alla ragione dello stato di qualcuno ("ratione personae"), causa la materia di un caso ("ratione materiae") e causa la rifutazione del diritto per un giudice, causa un peccato senza possibilità di pardone o causa lacune degl'altri sistemi giuridici ("ratione peccati"). Così il diritto canonico è importante anche quando si tratta delle vedove, degli studenti, dei viaggiatori, pellegrini, crociati, mercatori e banchieri.

Antichità e Basso Medioevo   L'età classica, 1100-1300   1300-1500   Ricerca   Letteratura   Links

La ricerca scientifica

Già nel Cinquecento qualchi savanti hanno studiato il diritto canonico medievale. In particolare il vescovo spagnole Antonio Agustìn ha fatto dei scoperti importanti. Qualche antichi collezioni sono ancora conosciuto sul nome dei ricercatori dello secolo 17 ed 18, come Luc D'Achery e la Dacheriana. Occorre qui pensare anche al Baluze, Mansi e Muratori. Nel Ottocento i tedeschi come Theiner, Hinschius, Schulte ed Maassen sono avvanzato al fronte della ricerca. Il Novecento è stato lo secolo dell'attività mondiale, con grande savanti come Fournier, Le Bras, Gaudemet, Fransen, Cheney, Duggan, Holtzmann, Heyer ed Stephan Kuttner (1906-1997) ed il suo Institute of Medieval Canon Law, fondato nel 1955 al Washington, D.C., dal 1996 in Monaco di Baviera.

Antichità e Basso Medioevo   L'età classica, 1100-1300   1300-1500   Ricerca   Letteratura   Links

Letteratura

Esiste un buon numero degli introduzioni :

Per lo studio i libri seguenti sono molto importanti :

  • Stephan Kuttner, "Repertorium der Kanonistik (1140-1234). Prodromus Corporis Glossarum" I (Città del Vaticano 1937; ristampa 1973, 1981).
  • Gabriel Le Bras, Charles Lefebvre e Jacqueline Rambaud, "L'âge classique 1140-1378. Sources et théories du droit" (Parigio 1965; Histoire du droit et des institutions de l'Eglise en Occident, VII).
  • Lotte Kéry, "Canonical collections of the Early Middle Ages (ca. 400–1140): a bibliographical guide to the manuscripts and literature" (Washington, D.C., 1999) - nel "History of Medieval Canon Law", edd. Wilfried Hartmann e Kenneth Pennington.
  • Detlev Jasper e Horst Fuhrmann, "Papal letters in the early Middle Ages" (Washington, D.C., 2001; History of Medieval Canon Law, 2).
  • The history of medieval canon law in the classical period, 1140-1234. From Gratian to the decretals of pope Gregory IX, Kenneth Pennington ed Wilfried Hartmann (eds.) (Washington, D.C., 2008; History of Canon Law) - finalmente una guida moderna per i specialisti riuniti di questo periodo centrale
  • Linda Fowler-Magerl, "Ordo judiciorum vel ordo judiciarius. Begriff und Literaturgattung" (Francoforte sul Meno 1984).
  • Ludger Körntgen, "Studien zu den Quellen der frühmittelalterlichen Bußbücher" (Sigmaringen 1993).
  • Jean Gaudemet, "Les sources du droit canonique, VIIIe-XXe siècles. Repères canoniques, sources occidentales" (Parigio 1993).
  • Jean Gaudemet, "Église et cité. Histoire du droit canonique" (Parigio 1998).
  • Anders Winroth, "The making of Gratian's Decretum" (Cambridge, etc., 2000).

Si trova anche fascicoli importanti nel grande Typologie des sources du moyen âge occidental :

  • Gérard Fransen, "Les décrétales et les collections des décrétales" (Turnhout 1972; Typologie, 2) - supplemento 1985.
  • Gérard Fransen, "Les collections canoniques" (Turnhout 1973; Typologie, 10) - supplemento 1985.
  • Odile Pontal, "Les statuts synodaux" (Turnhout 1975; Typologie, 11).
  • Cyrille Vogel, "Les "libri paenitentiales" (Turnhout 1978; Typologie, 27) - supplemento  per A.J. Frantzen, 1985.
  • Peter Brommer, ""Capitula episcoporum". Die bischöfliche Kapitularien des 9. und 10. Jahrhunderts" (Turnhout 1985; Typologie, 43).
  • B.C. Bazàn, J.W. Wippel, G. Fransen en D. Jacquart, "Les questions disputées et les questions quodlibétiques dans les facultés de Théologie, de Droit et de Médecine" (Turnhout 1985; Typologie, 44-45).
  • Linda Fowler-Magerl, "Ordines iudiciarii and libelli de ordine iudiciorum (from the middle of the twelfth to the end of the fifteenth century)" (Turnhout 1994; Typologie, 63).

Qualchi giornali:

Stéphane Boiron e Franck Roumy hanno scritto in 2002 un sommario ragionato dell'ultima letteratura scientifica (testo in francese)

Antichità e Basso Medioevo   L'età classica, 1100-1300   1300-1500   Ricerca   Letteratura   Links

Links

Per i manoscritti del diritto canonico si trova nel Internet anche qualchi site importanti:

Antichità e Basso Medioevo   L'età classica, 1100-1300   1300-1500   Ricerca   Letteratura   Links


Cima  Home  Summary of homepage  Sommario"   ov - 29 novembre 2009 / ottobre 2014 - grazie a Jörg Müller, München - <